...farsi condizionare...
...per iniziare a scegliere

https://blogs.scientificamerican.com/observations/the-universe-as-cosmic-dashboard/



                                  L'universo come cruscotto cosmico   (traduzione)



La meccanica quantistica relazionale suggerisce che la fisica potrebbe essere una scienza delle percezioni, non una realtà indipendente dall'osservatore
Di Bernardo Kastrup il 24 maggio 2019
L'universo come cruscotto cosmico

Una delle più strane implicazioni teoriche della meccanica quantistica è che osservatori diversi possono fornire resoconti diversi, sebbene ugualmente validi, della stessa sequenza di eventi. Come evidenziato dal fisico Carlo Rovelli nella sua meccanica quantistica relazionale (RQM), ciò significa che non dovrebbero esserci quantità fisiche assolute, indipendenti dall'osservatore. Tutte le quantità fisiche - l'intero universo fisico - devono essere relative all'osservatore. L'idea che condividiamo tutti lo stesso ambiente fisico deve quindi essere un'illusione.
Una previsione così contro-intuitiva - che sembra flirtare pericolosamente con il solipsismo - ha chiesto a gran voce una verifica sperimentale per decenni. Ma solo di recente la tecnologia è avanzata abbastanza da permetterla. Così ora, finalmente, Massimiliano Proietti e collaboratori dell'Università Heriot-Watt, nel Regno Unito, sembrano aver confermato RQM; come previsto dalla meccanica quantistica, potrebbe non esserci un mondo fisico oggettivo.
Tuttavia, le nostre percezioni del mondo oltre noi stessi sono abbastanza coerenti tra gli osservatori: se dovessi sederti accanto a me proprio ora, descriveremmo il mio studio in modi molto simili e reciprocamente coerenti. Chiaramente, gli osservatori devono condividere un ambiente di qualche tipo, anche se tale ambiente non è fisico, cioè non è descrivibile da quantità fisiche.
Sono state proposte possibili soluzioni a questo dilemma. Ad esempio, scrivendo per questa rivista l'anno scorso, ho sostenuto che le quantità fisiche descrivono semplicemente le nostre percezioni e sono pertanto relative a ciascuno di noi come osservatori. Ciò che è realmente là fuori, alla base delle nostre percezioni, è costituito non da stati fisici ma da stati mentali transpersonali. La fisicità percepita è semplicemente una rappresentazione di quell'ambiente mentale circostante, creato da un atto di osservazione.
Questa non è una nuova visione. In effetti, è molto vecchio. Ad esempio, già all'inizio del XIX secolo, Arthur Schopenhauer sosteneva che il mondo fisico degli oggetti discreti nello spaziotempo è semplicemente una rappresentazione soggettiva nella mente di un osservatore. Ciò che è veramente là fuori è ciò che Schopenhauer ha chiamato la "Volontà": stati mentali transpersonali con un carattere volitivo, che trascendono la nostra capacità di percepire o misurare. È il carattere volitivo di questi stati che spiega l'evoluzione dell'universo secondo le catene causali; l'universo si muove e cambia perché è costretto a farlo secondo gli schemi della propria volontà sottostante.
Nonostante le obiezioni che si potrebbero avere alle idee di Schopenhauer, sembrano dare un senso alle previsioni contro-intuitive di RQM: la fisica è stata sviluppata per descrivere solo gli stati percettivi, non gli stati mentali endogeni come la volizione. Per questo motivo, le descrizioni fisiche dipendono sempre dall'osservatore; non catturano il mondo com'è in sé, ma semplicemente come si presenta a ciascuno di noi, dato il nostro rispettivo punto di vista all'interno dell'ambiente. Non commettere errori: esiste ancora un ambiente comune di stati volitivi transpersonali, in cui siamo tutti immersi; è solo che questo ambiente non è ciò che la fisica descrive direttamente.
Comprendere l'RQM deducendo che il nostro ambiente circostante è essenzialmente mentale - una visione chiamata "idealismo oggettivo" - evita il solipsismo. Tuttavia, porta con sé un problema apparentemente difficile: se ciò che è realmente là fuori sono stati volitivi transpersonali, allora perché vedere o sentire sono così diversi dal desiderare o dalla paura? Se le mie percezioni rappresentano stati sottostanti affini al desiderio e alla paura, perché vedo invece forme e colori?
Se solo potessimo fornire una motivazione convincente per questa transizione qualitativa, saremmo in grado di sfruttare l'idealismo oggettivo per dare un senso alla RQM e agli ultimi risultati sperimentali. Ma possiamo? A quanto pare, possiamo benissimo; anche in più di un modo.
Negli ultimi anni, il gruppo di Donald Hoffman all'Università della California, Irvine, ha dimostrato che il nostro apparato percettivo non si è evoluto per rappresentare il mondo in modo veritiero, come è in sé; se vedessimo il mondo così com'è, saremmo spinti rapidamente verso l'estinzione. Invece, vediamo il mondo in un modo che favorisce la nostra sopravvivenza, non l'accuratezza delle nostre rappresentazioni. Nell'analogia di Hoffman, i contenuti della percezione sono come icone sul desktop di un computer: un insieme di metafore visive che facilitano il proprio lavoro illustrando le proprietà salienti di file e applicazioni, ma che non descrivono questi file e applicazioni come sono realmente.
Affrontando il problema da una prospettiva diversa, Karl Friston e collaboratori hanno dimostrato che, se un organismo deve rappresentare gli stati dell'ambiente esterno per navigare correttamente in questo ambiente, deve farlo in un modo codificato e inferenziale.